sabato 12 aprile 2014

Batteria smartphone ricaricata in 30 secondi

Ricaricare la batteria del nostro smartphone? Bastano solo 30 secondi.
 
Una startup israeliana ha costruito un caricabatterie per smartphone usando nanocristalli da matrici biologiche: risultato, una batteria ricaricata completamente in soli 30 secondi.
Ecco il video che lo dimostra. Le immagini del video qui sotto, ripreso in tempo reale, ci fanno pensare a una rivoluzione.
 

 
Quanto impiega il vostro smartphone a ricaricarsi completamente? Un’ora, due… a volte qualcosa meno. Dipende anche dal tipo di caricabatterie usato: per esempio, l’iPhone si ricarica molto più rapidamente con il caricabatterie dell’iPad, di maggiore potenza. I ricercatori israeliani della StoreDot, una startup specializzata nello studio di batterie e sistemi di ricarica basati sull’uso di cristalli nanometrici, ricaricano i loro smartphone in 30 secondi. Sì, il tempo di preparare un caffè.
Da qualche anno gli studiosi di tutto il mondo usano i quantum dots (minuscole “palline” di dimensioni nanometriche) ricavandoli dal silicio: la StoreDot li ha invece ricavati da materiale biologico, che li fornisce di incredibili proprietà elettriche e ottiche. Proprietà che, secondo la tecnologia in corso di brevetto in Israele, permettono di costruire caricabatterie ultraveloci che potrebbero essere in commercio già nel 2016.

La StoreDot non è nuova all’annuncio di imprese eclatanti nel campo delle batterie dei dispositivi elettronici. A novembre del 2013 aveva infatti annunciato la creazione di una speciale batteria con quantum dots biologici capace di durare cinque volte di più di tutte le altre. Resta da studiare quale effetto di stress avrà il supercaricabatterie sulle pile a litio polimeri dei nostri cellulari.
Ricerche analoghe sui carica batterie ultra veloci sono in corso in diverse parti del mondo.
 

2 commenti:

www.forbit.it ha detto...

La StoreDot con questa innovativa scoperta rivoluzionerà nei prossimi anni il mondo degli smartphone consentendo tempi di ricarica notevolmente più brevi, addirittura di trenta secondi. Anche il video presentato nel post è davvero molto interessante. Complimenti per il blog!

Davide Bassan ha detto...

Grazie per aver letto ed apprezzato il mio post e per i complimenti, fa sempre molto piacere ricevere feedback positivi!