lunedì 13 giugno 2011

Il trionfo dei Referendum


Dopo 16 anni il quorum per una consultazione referendaria viene raggiunto (affluenza sopra il 57% per tutti i quesiti). Trenta milioni di italiani hanno scelto di votare. Il SI' trionfa con percentuali intorno al 95%. L'obiettivo dei promotori, dunque, è stato centrato.

Istituto Emg: rilevazioni affluenza per partito politico di riferimento: secondo una rilevazione dell’Istituto Emg per il TgLa7 sarebbe andato a votare il 44,8% degli elettori del Pdl e il 39,5% tra quelli della Lega Nord. Per quanto riguarda il centrosinistra, invece, si sarebbero espressi il 77,5% dei votanti del Pd, l’80,5% dell’Idv, il 75,2% di Sel. Alle urne il 57,6% dei simpatizzanti del Terzo polo. Indeciso il 66,5%, mentre un restante 25% apparterrebbe all’area del ‘non voto’.

Beppe Grillo: “Siamo ancora un popolo”: “Siamo ancora un popolo! E’ stato raggiunto il quorum per tutti e 4 i referendum. Per il nucleare è il secondo referendum con cui i cittadini hanno mandato affanculo i partiti. Vedremo se avranno il coraggio di riproporlo. Saluto con affetto Formigoni, Chicco Testa, Veronesi e il Bersani di quarta generazione”. Così il comico genovese commenta la vittoria al referendum. Da Genova, dove ha votato, Grillo scrive sul suo blog: “Per l’acqua arriva ora la parte più complicata, come restituire al pubblico la gestione e sottrarla alle varie Veolia, Suez e Smat. Non sarà facile. Oggi ha vinto il popolo italiano, i cittadini. I partiti inizino a fare le valigie. Loro non si arrenderanno mai (ma gli conviene?). Noi neppure”.

1 commento:

storico ha detto...

I partiti adesso si potranno pappare la torta dei servizi pubblici in santa pace: cambiare per lasciare tutto come prima



Acqua e nucleare, nel referendum vince l'Italia gattoparda